DKN Extreme PRO

  • Sharebar
  • Aumenta
  • Diminuisci

Dimensione attuale: 100%

L'unità di comando e la colonna centrale

Questa macchina è ormai fuori produzione. La recensione risale al lontano 24 ottobre 2007.

L'unità di controllo della Extreme PRO è molto intuitiva e semplice da usare. La colonna centrale non ha un'unità di controllo bassa, che su questa pedana è superflua. Molto solida, consente un appiglio sicuro che permette di flettersi tranquillamente sulle gambe in posizioni estreme.

Lo schermo LCD monocromatico visualizza tutte le informazioni necessarie all'allenamento. In questo caso si vede l'impostazione manuale che approfondiamo successivamente.

Nei programmi preimpostati ogni fase di allenamento è supportata dalle informazioni di postura, tempi di lavoro e tempi di recupero. Inoltre, nella fase di recupero (o di riposo) la pedana visualizza la posizione dell'esercizio seguente. Una modalità facile che rende quasi superfluo l'utilizzo del manuale. Anche questa sezione la esploriamo in seguito.


 

Il piatto oscillante

Il piano del piatto oscillante è ad un'altezza di 23,5 cm da terra. Molto pratico ed accessibile. Le sue dimensioni sono di 72cm di larghezza per 37 di profondità. É utilizzabile da tutta l'utenza senza problemi, scalzi o con le scarpe, uomo o donna. Va bene per i piegamenti e per lo squat, ottimo per lo stretching dei bicipiti femorali e consente un'operatività estesa per tutti gli esercizi, senza problemi.

Sulle estremità laterali sono collocati i passanti per le cinghie, utilizzabili per gli esercizi della parte superiore, degli arti superiori.

 

Motore

Il motore è centrale. Normalmente sulle professionali si utilizzano due motori per annullare la componente di vibrazione orizzontale. Con potenze molto elevate, necessarie per gestire piatti oscillanti con molta massa, infatti, è impensabile utilizzare un motore solo e va frazionato. Qui, dove la finalità non è allenare l'atleta di elìte o i soggetti altamente sovrappeso, non è necessaria tale potenza e un motore solo si comporta perfettamente. Quello che conta è l'accelerazione trasmessa dal piatto oscillante. Nella sezione rilevazioni di accelerazioneapprofondiamo tutti i dettagli.

Ci preme sottolineare un particolare costruttivo del piatto oscillante: non ci sono giunti di gomma che attenuano le vibrazioni, ci sono delle molle che sembrano studiate apposta per far esprimere il motore al massimo a pieno carico, con la persona sopra il piatto oscillante. Infatti, nelle rilevazioni notiamo che l'accelerazione è minore a vuoto, mentre a pieno carico è molto superiore. Come se la risonanza delle molle amplificasse l'accelerazione con il carico.

 

Solidità strutturale

La vibrazione al manubrio è praticamente assente in tutto l'arco di vibrazione che offre la pedana vibrante, da 20 a 50 hz. É importante che le braccia non ricevano vibrazioni dalla colonna centrale perché non sarebbero vibrazioni pulite, ma una somma di spurie decisamente fuori controllo, il che non sarebbe positivo. La base non è così esagerata, non è spessa come su certe pedane professionali, evidentemente la sperimentazione e lo sviluppo della Extreme PRO è giunto ad un ottimo risultato contenendone il peso: 70kg tutto insieme.

basamento supporto vite colonna pedana vibrante

Rumorosità

Alle normali frequenze di utilizzo la macchina è sorprendentemente silenziosa. Questo parametro è molto importante, infatti la pedana vibrante di solito è inserita in un contesto dove rumori e trasmissione delle vibrazioni al pavimento potrebbero dare fastidio alle persone che si allenano o al piano di sotto. In un contesto domestico, l'utilizzo è limitato a pochi minuti, ma in una palestra è continuativo. Anche a 50Hz la macchina rimane decisamente silenzionsa. Per ascoltare la vibrazione della PhysioPlate Gold fare click sull'immagine qui sotto.

spettro del suono della pedana vibrante

Rilevazioni di Accelerazione ed Escursione.

Modalità di rilevazione

I rilevamenti sono stati eseguiti in condizioni diverse, a vuoto e con un soggetto da 87kg, a varie frequenze. Inoltre, per verificare la trasmissione della vibrazione alle aree critiche abbiamo applicato l'accelerometro sulla zona lombare e sulla sommità della scatola cranica.

La posizione in cui abbiamo applicato l'accelerometro sulla pedana è al centro del piatto oscillante.

Il parametro di accelerazione è la principale caratteristica da valutare in una pedana. L'accelerazione è espressa in metri/secondo al quadrato "ms2" oppure in forza "G".
1g = 9,80665 ms2

Z (verticale sù giù) colore azzurro
X (orizzontale avanti indietro) colore giallo
Y (orizzontale destra sinistra) colore rosso magenta

NOTA: nelle rilevazioni abbiamo scelto di non considerare 1g o i 9,8 ms2 di partenza, per allinearci alle misurazioni dei vari produttori. Se si vuole considerare anche la componente di forza G spostate idealmente la sinusoide dell'asse Z di 9,8 ms2 in su.

Accelerazione max 3,6 G

Piatto oscillante - Frequenza: 50Hz Peso: 87kg

grafico della forma d'onda sensore posizionato sul piatto oscillante

Piatto oscillante - Frequenza: 30Hz Peso: 87kg

grafico della forma d'onda sensore posizionato sul piatto oscillante

Con un click sulle immagini aprite la versione originale a pieno schermo. Noterete una buona pulizia della vibrazione, tipica della pedana vibrante verticale. L'oscillazione sull'asse X è fisiologica per il momento che si crea con la posizione dei piedi leggermente arretrata rispetto l'asse del motore, Mentre per la presenza di un motore solo ci sarà un marginale interessamento di un'oscillazione laterale sull'asse Y che in questo caso è minima.

Il piatto oscillante è supportato da 4 molle che rendono al meglio con il carico della persona. A vuoto infatti rileviamo una minore accelerazione, dovuta sicuramente ad un fenomeno di risonanza che attenua la vibrazione e che scompare quando si sale sulla pedana.

L'impiato molle delle pedane DKN è studiato appositamente per far esprime il motore al meglio a pieno carico, quando si sale sulla pedana. Questo sistema evita l'attenuazione che si avrebbe con dei giunti di gomma.

Naturalmente il parametro a vuoto ci interessa poco, al limite solo per un confronto, ma i dati per una comparazione utile sono quelli con il carico.
 

Piatto oscillante - Frequenza: 30Hz Peso: 00kg

grafico della forma d'onda sensore posizionato sul piatto oscillante

Questa sopra è la rilevazione dell'accelerazione a vuoto 30Hz. Se notate è molto ridotta rispetto alla rilevazione sopra, quella con il carico di 87kg. Se ingrandite vedete bene anche i valori.
 

Zona lombare L3 - Frequenza: 35Hz Peso: 87kg

grafico della forma d'ondasensore posizionato sulla zona lombare

La misurazione con il sensore applicato in zona lombare L3 evidenzia una trasmissione delle vibrazioni trascurabile con una postura corretta. Infatti, con l'energia dissipata dalle fasce muscolari degli arti inferiori l'accelerazione rilevata è minore di 1g o 10 ms2 per tutti e tre gli assi.

 

Testa postura corretta - Frequenza: 35Hz Peso: 87kg

grafico della forma d'onda sensore posizionato sulla testa postura corretta

Per la sicurezza abbiamo fatto due misurazioni molto importanti: la prima in posizione corretta, in cui non si percepiva quasi nulla alla testa. L'accelerometro era posizionato sulla sommità del cranio. Come potete vedere le vibrazioni sono quasi nulle nonostante la frequenza utilizzata sia notevole. Anche a livello di percezione la trasmissione alla testa delle vibrazioni è molto ridotta.

 

Testa postura totalmente errata - Frequenza: 35Hz Peso: 87kg

grafico della forma d'onda sensore posizionato sulla testa postura scorretta

Questa è la rilevazione della vibrazione trasmessa alla testa quando si sta completamente eretti e si scarica tutto sulle articolazioni. Assolutamente da evitare anche in questo caso. Quasi 1 G alla testa è parecchio e va evitato.

 

Caratteristiche tecniche 

Produttore DKN
Produzione Belgio - Taiwan
Distributore DKN Italia Srl - MH Srl
Tecnologia verticale
Frequenza 20-50Hz step 5Hz
Ampiezza da 4 mm a 20Hz a 2 mm a 45Hz
Massima Accelerazione 35 ms2 - 3,6 G a 45 Hz
Accelerazione a vuoto 30Hz 14 ms2
Accelerazione a 90kg 30Hz 21 ms2
Accelerazione alla scatola cranica 30Hz 3 ms2
Accelerazione alla zona lombare 30Hz 9 ms2
Certificazione CE per uso professionale
sport ed estetica
Altezza da terra del piatto oscillante 23,5 cm
Dimensioni piatto ascillante L 72 P 37
Carico massimo 160kg
Rumorosità max ascolta audio
Ingombro L 75 P 67 H 139
Display Unità di comando LCD monocromatico multifunzione, con tempo, frequenza e posizioni di utilizzo.
Programmi 4 programmi pre impostati
Programmazione manuale
Unità di comando bassa no
Peso 70kg
Numero motori 1
Potenza motori --
Accessori Tappetino
Cinghie
Poster posizioni
DVD esercizi

 

In dotazione:

Oltre ai vari depliant, poster, banner, ecc. che non sono oggetto di questa recensione, la pedana vibrante è fornita con i seguenti accessori:
 

  • Attrezzi per l'assemblaggio.
  • DVD corso.
  • Cinghie regolabili.
  • Cavo alimentazione.
  • Manuale assemblaggio.
  • Manuale d'uso.
  • Poster posizioni ed esercizi.

 

Manuale d'uso Extreme PRO in PDF

Scarica il manuale d'uso della Extreme PRO